Home > interni > Lettera agli italiani

Lettera agli italiani

Per chi si ritrova nelle cose che André Glucksmann ha scritto nella sua “€œLettera agli italiani,”  pubblicata sul Corriere della Sera di oggi, deve essere molto difficile immaginare che si possa esprimere meglio di così quello che in molti ci siamo detti, oppure si è solo pensato, o almeno si è intuito. Per questo è meglio limitarsi a leggere tutto, dalla prima all’ultima parola, ridurre al minimo i commenti e la voglia di chiosare, aggiungere, parafrasare e quant’altro. Cose sacrosante, in genere, e che sono la quintessenza del blog. Ma in questo caso, appunto, meglio soprassedere.


………


LETTERA AGLI ITALIANI

di ANDRE’‰ GLUCKSMANN

 

Tutta la Storia testimonia del disdegno italiano per le avventure guerresche. Nelle grandi ore del Rinascimento le città della penisola, malgrado le continue battaglie, si accordavano per ridurre al minimo le perdite umane. Ci vollero le orde spietate calate dalla Francia e dalla Germania per spazzare via questo brillante abbozzo di una comunità europea dove l’arte di vivere prevaleva sull’arte della guerra, e i valori della civiltà sulle fantasticherie dell’aggressività militare. Nei peggiori momenti del XX secolo, persino le smargiassate del Duce non sfuggirono all’ironia dei suoi compatrioti, e alla resistenza di qualcuno di loro. È proprio perché noi europei sappiamo bene quanto – culturalmente, esteticamente e moralmente – l’umanesimo reinventato nel Quattrocento aborra i furori bellicosi, che siamo commossi e colpiti dall’esempio italiano.

 

D’un tratto, senza sgomento, né panico, né recriminazione, un popolo in lacrime ma dignitoso e raccolto si eleva all’altezza del compito. Ha compreso che i suoi carabinieri sono stati assassinati in una terra lontana perché l’Italia ha insegnato all’Europa l’arte e la dolcezza di vivere insieme in una società «civile», sfuggendo alla legge della sciabola e del ricatto terroristico. Per ricostruire l’Iraq e instaurare un minimo di democrazia, occorre garantire ai cittadini un livello elementare di sicurezza. I carabinieri sono morti per la pace, e tutta l’Italia sembra averlo capito. Resiste. Non si piega davanti agli assassini. Non ritira i suoi uomini. L’Italia è avanti rispetto ad altri Paesi tra i quali il mio, la Francia, così pronto tuttavia a dare lezioni ai vicini. Quando a Bagdad sono saltate in aria le sedi dell’Onu e della Croce Rossa, Ginevra ha denunciato – a ragione – un 11 settembre delle Nazioni Unite e delle Ong. Gli attentati hanno sempre come obiettivo la popolazione civile, perché colpiscono quanti vengono in suo soccorso.

 

Le prime vittime dei terroristi iracheni sono gli iracheni. Sabotare le condotte per togliere l’acqua ai bambini, e abbattere i guardiani di una fragile sicurezza, significa terrorizzare la gente comune. Alessandro Carrisi, il più giovane dei carabinieri, «ha fatto cose bellissime per i bambini iracheni», dice sua sorella. È stato ucciso. Cacciare «gli stranieri» è tentare di ristabilire il dominio dei più crudeli. L’Europa abbandonerà un popolo intero alla legge delle bombe umane? L’Italia dice no. Non vuole che i suoi figli siano morti per niente. Ma sembra, nel nostro Vecchio continente, piuttosto sola. L’istante sublime nel quale una nazione commemora i migliori dei suoi svanirà, le dispute proprie alle buone democrazie riprenderanno il loro corso. Ma non dimentichiamo che il sacrificio dei militari italiani si fa sentire ben aldilà delle frontiere e parla a tutti quelli, cristiani o musulmani, ebrei o atei, che osano squadrare il terrorismo dall’alto in basso, nella verità cruda della sua oscenità e della sua ferocia.

 


No, i vostri soldati non sono morti per nulla. Hanno fatto sbarramento a una barbarie nichilista dotata di una forza devastante che, a Manhattan, si è rivelata potenzialmente terribile quanto l’arma nucleare. «Che l’elettricità sia tagliata e il petrolio abbandonato nei pozzi. Che la vita civile si fermi. Alla fine, l’occupazione fallirà…»: così Joseph Samaha ha descritto due mesi fa (nel libanese El Safir ) la «mentalità della distruzione» che ha colpito a Nassiriya. Diciannove dei vostri sono caduti nel campo della libertà. No, l’Italia non è sola. È davanti, in piedi.

 

 

 

 

 

Categorie:interni
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: