Home > imperfezionisti > Amato, Prodi e l’isola nel Pacifico

Amato, Prodi e l’isola nel Pacifico

Nel suo colloquio con Il Riformista Giuliano Amato ha detto molte cose. Alcune sono ovvie—scontate mai: nulla in politica lo è (magari fosse così!)—altre meno. Tra queste ultime c’è una presa di distanza dalla vicenda della lista unica, quando l’€™ex premier dice di seguire il dibattito «come da un’isola del Pacifico, dove arrivano sufficienti informazioni ma le si può valutare con un certo distacco». Può sembrare snobismo, ma non lo è. Amato, semplicemente, interpreta fedelmente un sentire diffuso. A tanti la discussione procura soltanto una noia mortale. Anche per il livello non eccelso della medesima—non dei protagonisti, ci mancherebbe!

Un’€™altra perla è la valutazione sulla strategia dipietrista:

«Lui usa una tecnica politica per accrescere la sua visibilità , ma è favorito dall’equivoco generale. Si rende conto che ad alcuni dei contraenti, innanzitutto la Margherita, l’idea che la lista sia propedeutica alla formazione riformista non piace, e gioca sul fatto che non può ricevere l’unica risposta che giustificherebbe la sua esclusione. La risposta sarebbe: stiamo costruendo l’embrione di un partito di governo, di cui tu – per cultura politica – puoi essere alleato ma non parte. Lo facciamo perché altrimenti si rischia di continuare ad essere un cartello elettorale, e questo si paga, una volta che si dovessero vincere le elezioni. Ma siccome questa risposta non c’è, Di Pietro ha qualche ragione a chiedere perché non può stare in un listone dell’Ulivo. E questa situazione mette i tre partiti willing sotto il ricatto di non essere abbastanza aperti alle istanze della società  civile».

Proposta susseguente (ovvia, non scontata, naturalmente) : «Una lista di tutti con dentro i simbolini di ognuno, e un’aggregazione centrale col simbolino dei riformisti uniti. Sono entrambe utili». Potenza dei “€œsimbolini”, direbbe il semiologo (o l’€™antropologo culturale di riferimento della tribù ulivista, se ce ne fosse ancora uno in circolazione). Una prova dell’€™utilità, se non della necessità, di una sistematica messa a distanza del mondo fenomenico, al fine di coglierne l’oggettiva consistenza. E’ per questo che sono state inventate le vacanze (e non solo, si può ritenere, quelle che mettono un oceano tra noi e i fenomeni da analizzare).

Infine, l’ovvietà  sublime di questa tesi (e della relativa argomentazione):

«Romano Prodi non si deve candidare. Trovo garbato da parte sua rimettere la valutazione finale a una decisione comune, ma la sua scelta l’ha già  maturata e io sono d’accordo con lui. Prodi deve essere conservato per la gara decisiva, le elezioni politiche. Siccome è un ciclista, userà una metafora: Armstrong in una stagione corre solo il Tour, lui deve correre solo il Giro d’Italia.»
Solo una domanda, che stavolta oltre che ovvia è pure terra-terra: ma se la decisione Prodi l’€™ha già  maturata, e Amato–€”e chissà  quanti altri ancora, incluso, si parva licet, il titolare di questo blog–è d’accordo con lui, se cioè si corre il Giro e si lascia stare il Tour perché tutti e due non è proprio il caso, perché il ciclista non si prende una vacanza anche lui, magari solo per allenarsi meglio, e possibilmente proprio in mezzo all’Oceano Pacifico? Forse anche a lui farebbe bene mettere per un po’ a distanza quel mondo fenomenico che vuole a tutti i costi salvare—cosa di cui lo ringraziamo in anticipo, lasciandogli tutto il tempo necessario per prepararsi all’impresa. Con scrupolo e senza tralasciare niente che sia niente…

Categorie:imperfezionisti
  1. 8 gennaio, 2004 alle 23:31

    Ottimo post, ottima perspicacia, ottimo blog.

  2. 9 gennaio, 2004 alle 0:58

    Grazie, Serghei24, un bel blog anche il tuo. Ci tornerò.

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: