Home > interni > Fine della democrazia? No, sconfitta del centrosinistra

Fine della democrazia? No, sconfitta del centrosinistra

Paradigmaticoe pedagogicamente corretto quello che scrive Michele Salvati sul Corriere della Sera di oggi. La risposta migliore all’editoriale di Eugenio Scalfari (la Repubblica di ieri) cui si faceva riferimento nel post precedente.

Salvati elenca per prima cosa le promesse mancate di Berlusconi.

Copertina 

Nella primavera del 2001, Berlusconi aveva lanciato un messaggio efficace: un messaggio liberal-liberista, rivoluzionario in un Paese di corporazioni. Que reste-t-il de ce message?, verrebbe da dire parafrasando la famosa canzone d’Oltralpe. Poco, qualche dichiarazione ingiallita come la carta dei giornali che la riporta, e le scuse spesso non tengono. È vero, la crisi dei mercati borsistici ha ostacolato il programma di privatizzazioni. Ma che impedimenti c’erano a spingere l’acceleratore sui programmi di liberalizzazione? A realizzare quella riforma liberale degli ordini professionali e dei servizi pubblici locali che il centrosinistra aveva tentato di fare senza riuscirci? A spingere per una vera autonomia locale nella disciplina del pubblico impiego, profittando della riforma del Titolo V che il centrosinistra aveva fatto passare nello scorcio di legislatura? A operare per una riforma del processo civile e penale e dell’organizzazione giudiziaria che riducesse drasticamente la durata dei processi, la vera grande ingiustizia della nostra giustizia? Le domande potrebbero aumentare e sono retoriche, perché i nodi corporativi che legano l’Italia li conosciamo tutti: ma Berlusconi, con la sua spada liberal-liberista e con le sue capacità manageriali, sembrava sceso in campo proprio per tagliarli.

Berlusconi, dunque, su questo terreno ha fallito. E che fa? Semplice:

rilancia su un piano in cui è difficile sconfiggerlo: la personalizzazione dello scontro, la demagogia populista, la logica dell’«o con me, o contro di me». Per il centrosinistra è una trappola micidiale.

Il centrosinistra, a sua volta, che fa?

cinque o sei, o quanti saranno, leader minori che inseguono Berlusconi sul terreno che egli ha prescelto, gridando alla morte della democrazia …

Questa, spiega Michele Salvati è già la metà della sconfitta. Qual è l’altra metà?

L’altra metà, e dunque la sconfitta sicura, la fanno i nostri cinque o sei quando passano dalle invettive antiberlusconiane al programma di governo che vorrebbero offrire agli italiani: se Giovanna Melandri dice una cosa che pensano in molti – che è difficile offrire un welfare decente, in un Paese in cui le diseguaglianze e la povertà stanno aumentando, tagliando nel contempo le imposte – tutti gli altri la zittiscono. E se Treu e Rutelli propongono una riforma della previdenza più efficace e giusta di quella che ha inventato Maroni, Ds e sindacati si adontano invitandoli a soprassedere. E così avviene in molti dei campi in cui abbiamo passato in rassegna i fallimenti del governo: o non si dice niente, per non scontentare gli interessi che li presidiano, o si dicono cose diverse.

Fine della lezione.

Categorie:interni
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: