Home > humour, interni > Spezzare una lancia per Di Pietro …

Spezzare una lancia per Di Pietro …

…non sarà  un atto dovuto, ma stavolta ci può stare.   

Che a Di Pietro non gliene abbiamo mai lasciata passare una, è noto.
Che sotto quella faccia da contadinotto col trattore si nascondesse un furbone di tre cotte l’abbiamo sempre detto chiaro.
Che se avessimo potuto succhiargli le ossa gliele avremmo succhiate con sadico piacere, non è un mistero.
Che quando la sua lista picchiò il muso sul 3,99999 per cento noi ci stappammo due damigiane di quello buono, si vide da come disturbammo la quiete pubblica.
Quando l’unico senatore che aveva portato a casa gli fece il gesto dell’ombrello senza aspettare neanche 24 ore, fu per noi una specie di sega cinese.
Con lui sono volate querele, stracci, è volato di tutto. Questo per dire che abbiamo sempre considerato Di Pietro un magnifico esemplare di orango tra le cui bracciotte, Dio ci protegga, erano finite prima la giustizia e dopo la politica. Se non si fosse ancora capito, insomma, ci è sempre stato sulle balle.
Ma detto tutto ciò, e pur sapendo che è cresciuto fianco a fianco con l’avvocato Lucibello, ci chiediamo: quale individuo, per scassacazzi che sia stato, merita una condanna così atroce come fare un partito con Occhetto?

Andrea’s version (via Rolli)

Categorie:humour, interni
  1. 1 febbraio, 2004 alle 19:24

    Come al solito, per i commenti il blog gemello vince (8 a 0). http://windrosehotel.ilcannocchiale.it

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: