Home > honourable men, interni > Pezzenti si nasce (2)

Pezzenti si nasce (2)

Al pari di qualche altro grande del giornalismo italiano (ad es. Beppe Severgnini, di cui abbiamo richiamato i meriti in un post recente), Travaglio Marco si fregia di essere cresciuto alla scuola nientemeno che di Indro Montanelli. Ora, è risaputo che certe ascendenze lasciano tracce profonde. Prendete questo autentico virtuosismo archivistico-giornalistico appena sfornato.

 

In questo caso, si può ben dire che l’allievo sta cercando di superare il maestro, arrivando perfino a contraddirlo. Giustamente, in un certo senso, altrimenti più che di discepolo bisognerebbe parlare di “pappagallo”. Ed è arcinoto che i veri maestri detestano questi pennuti. Piuttosto, mille volte meglio le cornacchie.

 

Comunque, giudicate voi se la distanza tra allievo e maestro è congrua, per non dire abissale.

 

Da La Stanza di Indro Montanelli
di giovedì, 28 settembre 2000

 

«(…) Amato è uno dei pochissimi (una mezza dozzina in tutto) politici italiani che sanno cos’è lo Stato, e la cui parola ha un peso negli ambiti internazionali.

Quanto alla decisione di Amato di ritirarsi dalla gara con Rutelli per la premiership della coalizione (si fa sempre per dire) di centrosinistra alle prossime elezioni, confesso di sentirmi combattuto fra due opposti sentimenti: uno di costernazione per il ritiro dall’agone dell’uomo migliore (e migliore in entrambi i sensi: quello politico e quello morale) che la suddetta coalizione abbia nei suoi ranghi; e uno di ammirazione per il disinteresse, la cavalleria e l’eleganza (sissignori, anche l’eleganza) con cui ha compiuto il suo gesto di rinunzia.»

«Amato, in vista delle imminenti elezioni, si è ritirato per non dividere ulteriormente, sulla questione della premiership, il campo già abbastanza frammentato e litigioso del centrosinistra. Se ciò basterà a ricompattarlo, e se Rutelli si dimostrerà all’altezza del compito, non lo so. Ma il gesto è stato, oltre che da capo responsabile, anche da gran signore. E l’apparizione di un signore, in una politica come quella italiana, è davvero una stupefacente novità.»

 

 

 

 

 

Categorie:honourable men, interni
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: