Home > anglosphere, culture autoctone > Life Was Not Beautiful

Life Was Not Beautiful


On May 18, in the U.K. Channel 4 showed Roberto Benigni’s Life Is Beautiful, the Grand Prix winner at the 1998 Cannes Film Festival and the 1999 Oscar Award winner for the best foreign film.This gave Professor Norman Gerasthe opportunity to reprint in his normblog (here and here) his critical piece on the film from Imprints (5/1 Summer 2000), a British small-circulation journal.

Since I have always been a moderate fan ofRoberto Benigni—though not especially with regard to his most successful film—Norm’sdeep loathing of Life Is Beautiful was a surprise, and I regretted the harsh criticism in the face of a movie that inspired so many people all over the world.Yet, at the same time, I had to admit that there were (are) solid arguments for that criticism. But let’s proceed step by step. First of all, let’s remind the story:

In the first half of the movieGuido meets Dora, a well to do girl destined to marry an obtuse city politician, member of the fascist party. Desperately in love, Guido doesn’t stop at anything to win her over, to the point of kidnapping her in the midst of her own engagement party. In the second half of the film we find—at the start of World War II—Guido and Dora happily married and parents of five year old Giosue’. As anti-Semitic laws are promulgated and enforced by the fascist government, Jewish born Guido and his son are deported to a lager. Thus begins Guido’s tragedy and quest to isolate his son from the nazi’s physical and psychological violence by convincing the little boy, who has a passion for toy tanks, that this is all a big game, with the first prize being a “real” military tank.

[Italian version]

And now let’s seewhat Norm thinks is wrong with the film. He prefaces his own critical observations about Benigni’s movie “by picking out from the tangle (…) of the more general critical reaction” some Holocaust-related themes that he does not subscribe to:

a) “the theme of representational impossibility” (“The Holocaust […] defies representation or defies artistic representation. At the very least, it defies comic treatment”);

b) “a would-be realist protest about inaccuracy of detail” (“objections complaining, for instance, that the camp in the movie looks nothing like the real site of any German Lager but like a location, rather, in Italy, as in fact it is; or insisting that children arriving at Auschwitz were generally killed at once and not taken into the camp”);

c) ” ‘there’s no business like Shoah-business’ “(“There is now just much too much stuff, or second-order stuff, or the wrong sort of stuff, on the topic of the Holocaust, a plethora of books, articles, academic conferences, college and university courses, novels, plays, television, movies, memorials, museums”);

d) “incompatibilityof the Holocaust universe with any discourse of hope” (“The doyen of this kind of view in contemporary Holocaust discussion is Lawrence Langer”).

[Italics all mine]





Unlike the objections usually raised by those who subscribe to the above mentioned arguments, that of Norm is that—“not with respect to any particular detail, but overall, artistically”—Life is Beautiful “purveys an untruth” and “contains a flagrant, central disproportion, whereby the dimension of love and hope is everywhere accented, while the cruelty, horror and extreme suffering that made up the reality of the story’s chosen milieu are muted, marginalized, all but pushed out of view”. He explains:

One is bound to ask: if this was the kind of balance the director wanted – hope writ very large against the mere suggestion of evil – why did he not place his tale of love against a lesser background, one less severe than this axiomatic piece of criminality of the twentieth century? It could have been an episode of paternal ingenuity and courage on, say, a bus journey whose passengers are temporarily menaced by drunken louts. For this is approximately the atmosphere that Benigni constructs for us. Put together so, however, Life Is Beautiful would have failed in its central purpose, which is to convey not just hope, but a hope of great amplitude and significance. To achieve that, Benigni needed the utmost extremity, a very paradigm of evil, against which to set off, to magnify, the hope. But he wants the extremity only as abstract symbol, emptied of its horror and its capacity to unsettle and terrify us, its capacity indeed to cast us down by focusing our minds on one of the less palatable truths about the nature of humankind. I agree, therefore, with those critics who have said that the film is mendacious, and a subtle form of denial: denial not of the Holocaust itself, but of ‘the depth of its horrors’ (Jonathan Romney, ‘Camping it up’, Guardian, February 12 1999).

A bit harsh, but I must say I agree. Well, it is not that I changed my mind about the movie, as a matter of fact I still consider it to be a good film—though not an absolute masterpiece—but I think that eventhe mere occurrence of being perceived the way Norm perceives Life is Beautifulis a sufficient reason to recognize an objective (at least partial) failure

in the central purpose of the film itself, which is to convey—as it has been said—“not just hope, but a hope of great amplitude and significance”.And this is also why I partly agree with

Benigni had given us a much kinder, gentler Nazi camp than the historical record warranted. Artistically, that fact was fatal both for my enjoyment of the film (not that I want to watch films of Nazi atrocities, please note) and, so it seemed to me subsequently, for what I learned about the director’s own artistic ambitions. And politically it seemed repulsive, because for better or for worse we live in an era where lots of people get their education about subjects as serious as the Holocaust from films like La vita é bella, and I’d certainly hate it if this film really were the source of a lot of people’s Holocaust awareness.

 

I said“I partly agree” because I can’t help thinking that were it not for movies like Benigni’s La vita è bella and Spielberg’s Schindler List lots of people could have got (almost) no education at all about the Holocaust. But that is just a remote eventuality—at least I hope so!

  1. avy
    28 maggio, 2004 alle 16:13

    caro windrose, premettendo che non sono un estimatore di benigni, non per motivi politici ma proprio perché non mi fa ridere (ogni tanto sorridere, ma quello ci riescono in tanti), e al di là della rappresentazione dell’olocausto un po’ all’acqua di rose (a mio parere però legittima perché benigni non pretendeva di fare un “film documento” alla spielberg ma raccontare una storiella) non mi è piaciuto. non ho apprezzato il primo tempo perché basato tutto su gag nel suo stile che ho già dimenticato, e il secondo tempo perché tutto basato sullo stesso meccanismo del campo giochi che diventa presto prevedibile e con battute scontate. molto meglio, anzi, molto bello, invece, train de vie: si scopre il mondo dello shetel, con personaggi buffi e situazioni imprevedibili, musiche “esotiche” e finale sublime.

  2. 28 maggio, 2004 alle 19:15

    Wind, con molto piacere non mi sottrago al dibattito su “La vita è bella”. Penso, sostanzialmente, che il punto principale mosso è la non adeguatezza della forma al contenuto. Troppo “carlona” la prima, troppa seria la seconda.

    Non condivido queste posizioni. Per me, bisognerebbe una volta per tutti scindere il contenuto dal contenitore. Chi ha detto che di un argomento serio bisogna trattarlo, per forza, accigliati e con tono da circostanza?

    Spessol’ironia – su questioni terribilmente serie – è un’utile arma per far risaltare tutta la crudeltà fin in fondo. Spesso, l’ironia, penetra come un coltello colpendo più di quanto lo sappiano fare i visi accigliati. La leggerezza è il trionfo della vita che continua nonostante che l’efferatezza.

    E che siano all’antipodi, è solo un’impressione. La leggerezza della vita esalta l’efferatezza, un attacamento alla vita che continuerà nonstante chi con ogni mezzo cercherà di piegarla con tutta la efferatezza di cui l’uomo è capace.

    E se è un’attaccamento alla vita, è un vita nonostante tutto allegra. Perchè l’uomo è attaccato a ciò che gli da felicità.

    E un film che ha avuto il pregio di rompere la rettorica e i ritualismi – occhio che corrono il rischio di uno svuotamento -che qualcuno vorrebbe vigilare e preservare come dogmi. Ed è un film che è riuscito – nella sua “carloneria” – a trasmettere tutto il dolore e l’insensatezza del Olocausto alle nuove generazioni. Laddove il ritualismo, con i suoi visi accigliati, sta fallendo.

    S24

  3. 29 maggio, 2004 alle 10:46

    Non condivido affatto le critiche di Norm al film.
    Per quanto siano interessanti, sono fuori bersaglio: credo che non abbiano colto il vero spirito della pellicola di Benigni.
    La dimensione favolistica del film rende inefficace la critica basata sull’argomento dell’impossibilità rappresentazionale. Non era nelle intenzioni di Benigni fornire una rappresentazione icastica dei campi di concentramento. Il punto di vista del film era quello di un bambino, il che rende inappropriata anche la critica al punto b.
    Punto c. Il fatto che ci sia molto, troppo materiale sulla Shoah non deve impedire a nessuno di affrontare l’argomento: ricordiamo l’appello di Levi a non dimenticare.
    Punto d. E’ proprio questo il senso del film: reintrodurre il discorso sulla speranza a 50 anni dalla tragedia, e dopo 50 anni di riflessioni sulla fine della storia e sul Dio che non c’è. Si dovrebbe apprezzare il coraggio di Benigni, invece di censurarlo come “negazionista” dell’orrore dell’Olocausto.
    In generale le critiche che hai citato mi sembrtano molto “anglossassoni”, “empiriche e pragmatiche”, un contesto nel quale spesso si preferisce chiaramente Spielberg a Benigni.
    E proprio di Spielberg bisognerebbe parlare, di un film sull’Olocausto, sullo sterminio, realistico, ma fino a che punto, visto che finisce con un happy end e che ha come protagonista un nazista buono. Anche Spielberg apre alla dimensione della speranza esattamente come il film di Benigni. Solo che la sopravvivenza e la salvezza del figlio di Guido sono diverse da quella dei sopravvissuti di Schindler…
    Concludo, si è pensato che Benigni volesse redimere il futuro dal passato: può sembrare, ma non è così: in Israele il film è piaciuto.

  4. 29 maggio, 2004 alle 15:22

    Intanto grazie a chi è intervenuto finora qui tra i commenti ed anche a Paolo che ha linkato il post da I Love America (http://iloveamerica.splinder.it/1085783369#2200088) e ha sviluppato una riflessione veramente interessante (anche se di carattere generale, non avendo visto il film).
    Volevo solo far presente che gli argomenti critici a),b),c),d) che ho sintetizzato nel post sono sì citati da Norm, ma solo per dichiarare il proprio dissenso. Egli non li condivide, li cita perché sono quelli più diffusi.
    Probabilmente, anzi sicuramente, il qui pro quo dipende dal modo in cui io ho sintetizzato il pensiero del Prof. Geras. Ho quindi apportato al mio post originario qualche modifica per rendere in maniera più chiara e inequivocabile la contestazione di Norm.
    Diciamo che l’originalità e l’interesse di questo approccio critico consiste proprio nel prendere le distanze dalle argomentazioni più popolari, per sviluppare una contestazione, se possibile, ancor più radicale.

    Grazie ancora per essere intervenuti. Spero che anche altri vorranno dire la loro, dal momento che penso sia molto utile un confronto su questa materia, soprattutto in considerazione del fatto che si sta tentando di mettere a confronto approcci, sensibilità, metodologie abbastanza diversi (e penso che Sferapubblica abbia colto nel segno quando fa riferimento proprio a questo aspetto della questione).

  5. 30 maggio, 2004 alle 23:00

    Ho letto da Panther di questo “sondaggio” ora non ho il tempo di leggere tutto. A me il film non è piaciuto, non saprei spiegare in poche parole il perché, ma mi è sembrato di cattivo gusto. Insomma la vita è bella, ma cosa c’entra la vita con il lager. A Primo Levi dopo il Lager la vita non è piaciuta più, ha fatto il suo dovere di intellettuale e poi ha preferito morire. E poi tante altre cose che non ho gradito.

  6. avy
    31 maggio, 2004 alle 11:34

    per continuare il dibattito, un appunto su schindler’s list: sebbene per spielberg il cinema sia la macchina dei sogni, quel film è ispirato a una storia vera, che è finita più o meno come si vede nel film.

  7. 31 maggio, 2004 alle 15:26

    Purtroppo non ho visto il film per intero: solo i trailers pubblicitari e qualche scena da una videocassetta. Perchè non l’ho voluto mai vedere integralmente nonostante il fatto che a tanti amici il film sia molto piaciuto? Perchè non sarei stata in grado di credere in esso, ovvero di accettare quel tacito patto che esiste fra spettatorelettore e registascrittore, dove bisogna che ci sia una condivisione degli assunti di base nel racconto. Mi ricordo bene come vedevo la realtà da bambina. Gli occhi dei bambini sono il modo più realistico di vedere la vita. Difficile ingannarli sulla realtà. Puoi raccontare favole, ma loro lo sanno che sono favole. L’idea di Benigni è geniale qualora se ne condividano i presupposti. I trailers mi hanno dato questa impressione che me ne ha impedito la visione integrale. Non posso accettare minimamente qualsiasi, sia pure scherzosa, rappresentazione che pare sminuire l’orrore e il male dell’Olocausto, per il nobile scopo di salvare l’innocenza di un bambino, oppure per il tentativo artistico, che sta tutto contenuto nella modalità rappresentativa leggera e scherzosa, di “fare emergere l’esigenza di felicità dell’uomo”. Sappiamo con certezza che nè la vita nè l’innocenza furono salvate. I bambini, o venivano uccisi subito, oppure utilizzati per esperimenti scientifici da medici criminali come Mengele. Dopo aver letto Primo Levi, Elie Wiesel, Paul Celan, non riesco più ad accettare e vedere molte rappresentazioni dell’Olocausto che scadono inevitabilmente in retorica, qualsiasi retorica da commedia o da tragedia -compreso Spielberg che sono riuscita a vedere per intero-. La difficoltà di rappresentare la speranza è un problema epocale, non riguarda solo un artista come Benigni.

  8. 31 maggio, 2004 alle 15:26

    Purtroppo non ho visto il film per intero: solo i trailers pubblicitari e qualche scena da una videocassetta. Perchè non l’ho voluto mai vedere integralmente nonostante il fatto che a tanti amici il film sia molto piaciuto? Perchè non sarei stata in grado di credere in esso, ovvero di accettare quel tacito patto che esiste fra spettatorelettore e registascrittore, dove bisogna che ci sia una condivisione degli assunti di base nel racconto. Mi ricordo bene come vedevo la realtà da bambina. Gli occhi dei bambini sono il modo più realistico di vedere la vita. Difficile ingannarli sulla realtà. Puoi raccontare favole, ma loro lo sanno che sono favole. L’idea di Benigni è geniale qualora se ne condividano i presupposti. I trailers mi hanno dato questa impressione che me ne ha impedito la visione integrale. Non posso accettare minimamente qualsiasi, sia pure scherzosa, rappresentazione che pare sminuire l’orrore e il male dell’Olocausto, per il nobile scopo di salvare l’innocenza di un bambino, oppure per il tentativo artistico, che sta tutto contenuto nella modalità rappresentativa leggera e scherzosa, di “fare emergere l’esigenza di felicità dell’uomo”. Sappiamo con certezza che nè la vita nè l’innocenza furono salvate. I bambini, o venivano uccisi subito, oppure utilizzati per esperimenti scientifici da medici criminali come Mengele. Dopo aver letto Primo Levi, Elie Wiesel, Paul Celan, non riesco più ad accettare e vedere molte rappresentazioni dell’Olocausto che scadono inevitabilmente in retorica, qualsiasi retorica da commedia o da tragedia -compreso Spielberg che sono riuscita a vedere per intero-. La difficoltà di rappresentare la speranza è un problema epocale, non riguarda solo un artista come Benigni.

  9. 31 maggio, 2004 alle 19:12

    A me il film è piaciuto moltissimo-mi viene in mente un paragone-prendi il film sulla vita di Gesu di Zeffirelli-film bellissimo anche se non crudo quanto “La passione” di Mel Gibson-credo che non c’era bisogno-tutti conoscono la vita di Gesu come tutti credo conoscono gli orrori dell’olocausto-senza dover mostrare sceni troppo realistici-cmq sono film e non documentari-daisi

  10. 31 maggio, 2004 alle 19:59

    Il film di Benigni non mi è piaciuto, sia detto senza offesa. Perché? Mi è sembrato retorico e poco convincente. Quella vita non è stata bella, nulla poteva renderla bella, nessuna idea, per quanto geniale, potrebbe renderla bella, perché è stata la negazione assoluta della bellezza. Certo al suo interno gli esseri umani continuavano ad amare, a pensare, forse anche ad essere allegri qualche volta, continuavano a vivere le cose belle della vita. Una bella fiaba? Neanche quello, secondo me, perché anche le fiabe devono essere plausibili. C’è un film in cui commedia, tragedia e fiaba convivono, sia pure in una dimensione che definirei surreale. E’ “Il grande dittatore” di Chaplin. Comico, al limite della farsa, e tragico a un tempo, con l’andamento e gli ingredienti di una fiaba. Queste le mie opinioni, caro wind, soltanto opinioni e modi di sentire, per nulla in contrasto con quelle di chi ha apprezzato il film. Ti ringrazio dell’invito a partecipare e ti saluto con affetto. harmonia

  11. 31 maggio, 2004 alle 20:16

    Copio/incollo qui — per aggiungere un tassello al mosaico di opinioni — il commento che Panther ha lasciato sul post successivo a questo:
    «La vita è bella? Per me resta un capolavoro, ovvio che non si può iniziare a conoscere la Shoah partendo da quel film, ma ogni volta che lo rivedo rido e piango come un bambino.»
    Grazie a tutti quelli che hanno lasciato un’opinione, spesso molto articolata e argomentata. Spero che ne arrivino anche altri, anche perché, se posso dirlo, finora si sono lette cose veramente interessanti.
    Ciao

  12. 31 maggio, 2004 alle 22:19

    Roberto, la mia opinione su ‘La vita è bella’. A me, nonostante alcuni evidenti difetti, è piaciuto. E’ un film che esprime una poesia dolcissima, nella prima parte l’amore, nella seconda parte anche. Nella prima parte ovviamente è l’amore per la ‘bella principessa’. Una prima parte veramente geniale e con momenti di umorismo irrefrenabile (la scena della superiorità della razza, con Benigni sul banco seminudo a mostrare l’ombelico italico). Nella seconda parte, che rappresenta un momento di discontinuità nella coerenza complessiva dell’opera il registro cambia ma si percepisce la poesia della dolcezza di un padre che vuole evitare al figlio di scontrarsi con una realtà che la tenera età potrebbe non sopportare, e quindi il grandissimo amore verso questa fragile creatura. Quindi, per me, un grande film che mi ha divertito e commosso. Ovviamente è il mio personale giudizio (diametralemnet opposto a quello di Avy…guarda un po’). Ti saluto. Alain

  13. avy
    3 giugno, 2004 alle 13:28

    ma sono l’unico che ha visto train de vie?

  14. 3 giugno, 2004 alle 14:32

    io non l’ho visto, ad esempio …

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: