Archivio

Archive for 26 aprile, 2005

Cossiga e le bombe intelligenti

26 aprile, 2005 5 commenti

Infuriano le polemiche intorno alle celebrazioni del 25 aprile. Oscar Luigi Scalfaro fa incavolare Stefano Zecchi, ad esempio. Quest’ultimo, infatti, in qualità di assessore, finanzia una mostra fotografica—organizzata però dall’Istituto per la storia del movimento di liberazione—alla quale non viene neppure invitato, e come se non bastasse Scalfaro coglie l’occasione per dir peste e corna del governo. 
 

Bisogna riconoscere che la notizia è di quelle che lasciano sgomenti—parlo naturalmente della dabbenaggine del prof, che non deve aver realizzato che a lamentarsi pubblicamente aggiunge al danno la beffa. 
 

Francesco Cossiga, per parte sua, non perde l’occasione per esercitare il suo senso dell’umorismo. Ma non sul buontempone che fa l’assessore. Evidentemente ha giudicato il target troppo facile e scontato. Preferisce andare sul difficile, diciamo sul filo del rasoio. Infatti il presidente emerito della Repubblica non approva (giustamente) le proteste di chi considera il 25 aprile nient’altro che una festa di parte, ma si produce in un commento che è una specie di bomba a scoppio multiplo e dilazionato (non so se la dizione sia corretta in termini tecnici, sono un profano …):
 
Fase 1.
«Si deve accettare che, a differenza di altri Paesi, in Italia resistenza e comunismo sono inscindibili. Noi cattolici ci siamo sforzati di valorizzare il nostro apporto: ma erano molti di più i cattolici attendisti o afascisti o fascisti».
 
Fase 2.

«Fosse per me sventolerebbero solo le bandiere rosse, i tricolori e quelle con lo stemma sabaudo. E sul palco, insieme a Ciampi, dovrebbero esserci Vittorio Emanuele e Bertinotti».
 
Fase 3. (Il giornalista gli chiede di Berlusconi e lui risponde così:)
«Lui è un socialista. E come tutti quelli che fino a poco tempo fa venivano chiamati i socialtraditori, è marginale. Come i monarchici. Quante volte in questi giorni si è parlato di via Tasso e di Giuliano Vassalli, che liberò Saragat e Pertini? Praticamente mai».
 
Fase 4.
 
(Il giornalista insiste: marginali o marginalizzati? Risposta:) «Entrambi».
 
Fase 5.
 
(Bilancio dei danni a persone e cose:) un autentico massacro.

Annunci
Categorie:interni