Home > bioetica - articoli, culture autoctone > Quella volta che Genty disse …

Quella volta che Genty disse …


[Attenzione, quello che segue non è il solito WRH, è un wrh in vena di sproloqui. Se il vostro stato d’animo non è ispirato ad un improbabile idem sentire è meglio che passiate oltre. Io vi ho avvertiti …]
 
Si può essere tentati di dare ragione ancora una volta all’ottimo Magdi Allam, che sul Corriere di oggi spiega come la Danimarca ci abbia dato una lezione:
 
Schiena dritta, paga. Schiena ricurva, non paga. La Danimarca non si scusa per le vignette su Maometto, richiama gli ambasciatori dai Paesi islamici, protesta per le violenze subite, non si lascia intimidire dal boicottaggio economico, reagisce alle minacce di morte. E alla fine ottiene le scuse e il risarcimento da Siria e Libano per le aggressioni alle sue ambasciate. L’Italia invece si fa in quattro per scusarsi per le «provocazioni » che giustificherebbero l’assalto al consolato a Bengasi, caccia un ministro, minimizza, si dice disponibile a indennizzare la Libia. E alla fine incassa nuove minacce di attentati terroristici e una pretesa di denaro 50 volte superiore la cifra pattuita.
 
Sì, la tentazione c’è, ma stavolta bisogna fare uno sforzo per vincere il pre-giudizio positivo su Magdi, il quale, a me sembra, non ha capito una cosa fondamentale degli italiani, e cioè che noi siamo, sì, europei, ma mediterranei, cioè tutta un’altra cosa rispetto ai nordici. Nel bene e nel male, naturalmente. E, se per una volta mi si consente di spezzare una lancia per l’italianità, più nel bene che nel male.
 
Quando Fini e Frattini minimizzano le sparate del leader libico, a mio avviso, colgono un aspetto del fenomeno-Gheddafi che non si può trascurare: che per lui spararle grosse è normale, esattamente come per Calderoli—ed anche per il Bossi di qualche anno fa: ricordate la secessione e tutte le balle che loro avrebbero fatto questo e quest’altro, e poi non hanno fatto niente? In effetti, io ho sempre pensato che la Lega fosse il partito più «italiano» di tutti, altro che i Celti, il dio Po, e tutto il resto. Un fenomeno di italianità un po’ caricaturale, sanguigno, “plebeo,” anche se portatore di istanze che, almeno in parte, erano e sono rispettabili e tutt’altro che campate in aria. Per i leghisti, infatti, un conto sono le parole, un altro i fatti.
 
Un ricordo personale su questo e che include il (pro)sindaco di Treviso, Giancarlo Gentilini. Ai tempi in cui la parola d’ordine della Lega era «secessione», il Corriere della Sera intervistò lo “sceriffo” (non ricordo più che cosa aveva combinato quella volta per meritare le luci della ribalta nazionale …), e a un certo punto venne la domanda sulla secessione. Ecco, più o meno (cito a memoria) cosa rispose Gentilini: Secessione? Ma mi faccia il piacere, quale secessione! Senta, io sono un alpino, e quando ancora non ero sindaco ho organizzato l’Adunata nazionale degli alpini che si tenne proprio qui a Treviso un paio d’anni fa: ebbene, io ho fatto distribuire trentamila bandiere tricolori, ho fatto tappezzare tutta la città, che in quei giorni era un tripudio di tricolori … [interruzione dell’intervistatore: sì, ma, scusi, i “suoi” dicono di volersene andare dall’Italia … ] Macché andarsene dall’Italia, senta, creda a me, io conosco bene i miei polli [beh, non sono proprio sicuro che Genty si espresse esattamente così …], un conto sono le parole un altro i fatti, tra il dire e il fare, caro mio, c’è di mezzo il mare! Nessuno vuole la secessione, qui vogliamo bene all’Italia e in ogni caso dovrebbero passare sopra il mio cadavere … ci mancherebbe altro … ma quale secessione!
 
Beh, devo dire che quella è stata l’unica volta in cui ho voluto bene a Gentilini, perché nessuno è perfetto, si sa, ed io sono uno di quei sempliciotti che quando ascoltano l’Inno di Mameli e vedono garrire al vento il tricolore hanno attimi di smarrimento, di sonno della ragione, e dimentico tutti i difettacci italici—fortunatamente mi riprendo quasi subito, sia chiaro, e mi metto a fare qualcosa che distragga chi mi è vicino dalla visione di un pirla con gli occhi lucidi e la voce rotta … Ma, al di là di questo, capito che cos’è l’italianità? Tra il dire e il fare, cari miei, c’è di mezzo il mare …!
 
D’accordo, questo non è propriamente un pregio. Però, faccio sommessamente presente che c’è un risvolto positivo anche in certe manifestazioni “folcloristiche” e, se vogliamo, un po’ cialtronesche. C’è una percezione della realtà, un disincanto, un senso del relativo che hanno profonde radici in una civiltà antica, consustanziale all’italianità. Una civiltà di fondo che ci tiene al riparo dalle esagerazioni vere—non quelle a parole, non quelle che non lasciano traccia sulla vita vera ma solo in quella parlata—in cui cadono talvolta i popoli più seriosi e meno inclini ad abbandonarsi al piacere della parola. Così come ci fu una certa differenza, quanto a nefandezze, tra il fascismo e il nazismo, oggi le nostre chiacchiere ci preservano dal passare a vie di fatto in questioni molto serie e preoccupanti. Un esempio? Ok, mi farò qualche nemico, ma insomma lo voglio dire, e passo a un argomento terribile: l’eutanasia. Eh sì, cari lettori di wrh, noi, con tutti i nostri difettacci, una legislazione come quella stigmatizzata dal ministro Giovanardi non ce l’avremo mai. Mai, capito? Ieri, a Otto e mezzo, tra un Ferrara sull’impaziente (e pure un po’ sul cafonesco) ma in grado di portare avanti un ragionamento, e la signora onorevole olandese che mai una volta è riuscita a entrare in tema e a rispondere alle obiezioni, limitandosi a ripetere come un disco rotto che l’Olanda è un Paese civile e che loro non uccidono i bambini e via di seguito, beh, si capiva benissimo quella cosa che dicevo prima: a quella roba, da noi, non ci arriveremo mai. Mai, capito?

  1. anonimo
    23 marzo, 2006 alle 20:56

    Insomma, il senso del post mi pare sia: l’italiano abbaia e non morde, a prescindere che mordere sia giusto o sbagliato. E questo mi trova del tutto d’accordo. Il problema, però, è se il libico morda o no. Perchè se la fanfaronata è tratto tipicamente mediterraneo, è anche vero che un governo eletto tende a rispecchiare la propria popolazione, mentre un autocrate è più spesso un individuo eccezionale.

    Quanto alla difficoltà di ottenere leggi all’olandese in Italia, vorrei espandere un attimo: di regolamentare e legalizzare situazioni limite come quelle dell’eutanasia, in fondo a noi italiani frega poco perchè “arrangiarsi” con il medico, alla nostra coscienza civile, non dà il minimo fastidio. Fare qualcosa legalmente ci dà soddisfazione solo se ci permette di dedurlo dalle tasse. Dunque si può sostenere che noi una legge di ampia portata sull’eutanasia non l’avremo mai (anche se io lo spero comunque), purché si tenga in mente che ciò non significa affatto che certe cose non le faremo mai.

    PS: complimenti per il blog 🙂

    Nihil

  2. 23 marzo, 2006 alle 23:29

    Nihil, Gheddafi è un “mediterraneo al quadrato.” Per lui tra il dire e il fare non c’è di mezzo il mare ma lo spazio siderale. bin Laden è un’altra cosa, è uno di formazione anglosassone, educato alla scuola di Wall Street e della City di Londra, più consequenziale, e soprattutto è un fondamentalista, cosa che Gheddafi non è (come non lo era Saddam). Gheddafi, dopo la paura che gli ha messo addosso Reagan non si è più ripreso, quelli della cricca del “principe del terrore” sono invece in preda a un delirio di onnipotenza. Questi sono pericolosissimi, Gheddafi no. E non perché ha paura degli italiani: ha paura che George W. gli faccia recapitare la seconda (e ultima) parte del messaggio di Ronnie, quella che era già stata messa in busta …

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: