Home > imperfezionisti, religione > Atei devoti (e non), preti buontemponi e vescovi dispeptici

Atei devoti (e non), preti buontemponi e vescovi dispeptici

E’ primavera avanzata, ormai, fa già caldo, dormirei volentieri un paio d’ore in più per notte e mi lascio andare più facilmente a meditazioni oziose, tipo quelle sui massimi sistemi, rifuggendo altrettanto volentieri dalla fatica intellettuale (ed esistenziale) di addentrarmi nei meandri della realtà che ci sta intorno, o meglio dei politicismi che, sui media e non solo, stanno in luogo della realtà medesima—che evidentemente è diventata un’emerita sconosciuta.

Ma non bisogna farsi troppe illusioni neppure in ordine ai massimi sistemi, che ultimamente sembrano subire una sorte analoga a quella della realtà effettuale: facilissimo essere sopraffatti da quell’equivalente del politicismo, in altri contesti, che è la vecchia, ipercollaudata «chiacchiera».

Dunque, primavera o non primavera, è sempre meno frequente imbattersi nelle occasioni mediatiche più propizie a coltivare l‘otium. Uno, se proprio vuole, deve tagliarsi qualche ponte dietro le spalle e chiudersi nella propria biblioteca privata. Ma oggi non è giornata, e dunque rinvio la fuga dal mondo a data da destinarsi e attingo alla stampa quotidiana, che offre due superbe occasioni di … chiacchiera. Della prima è responsabile Il Foglio, che in un editoriale riferisce di un dibattito esilarante svoltosi a Londra. Argomento: quanto meglio vivremmo senza la religione. Protagonisti: “un vanitoso rottweiler di Charles Darwin, un pugile ateista che porta il figlio in vacanza nel Kurdistan iracheno e un apologeta dell’illuminismo ratzingeriano,” cioè, nell’ordine, Richard Dawkins, Christopher Hitchens e Roger Scruton. Ne è venuta fuori, secondo lo Spectator, che ha seguito l’evento, “una delle fiere del pensiero più entusiasmanti degli ultimi anni,” e in ogni caso “la dimostrazione che l’ateismo è la nuova religione.”

Consiglio vivamente la lettura del resoconto, con particolare riguardo non tanto alle tesi del filosofo di Princeton Roger Scruton, estimatore di Papa Ratzinger, quanto a quelle degli altri due relatori. A me le dimostrazioni a contrario son sempre garbate (sono le meno noiose …), dunque parlo a ragion veduta: come diventare buoni (o migliori) credenti dopo aver ascoltato e soppesato attentamente le tesi dei denigratori della fede. Un esercizio di ginnastica mentale che più laico non si può.

L’altra occasione di fruire di una chiacchiera di lusso l’ha fornita Francesco Merlo su Repubblica. Lo scopo era quello di spezzare una lancia a favore di Angelo Bagnasco, minacciato di morte e dunque scortato dallo Stato. Un intento nobile, senza dubbio, anche se io—sempre per non annoiarsi—inviterei a cogliere e apprezzare come si merita soprattutto la qualità dell’apparato argomentativo.

Dunque, si tratta di questo: bisogna che un po’ tutti ci teniamo stretti i nostri preti,

[p]ersino noi che nel Papa te­desco e nell”‘imam” Ruini più che un anelito e un profumo di cielo annusiamo un gran puzzo di inferno; anche noi insomma che nella chiesa che manda in piazza i suoi preti contro i gay vediamo ba­lenare non il buon Dio ma un “Diaccio” senza la grazia, sospet­toso e diffidente a tal punto verso le sue creature da essere quasi contento di coglierle in fallo e dannar­le senza misericordia.

È vero che c’è nel neo tradizio­nalismo populista del Vaticano, e nello zelo savonarolesco dei vescovi italiani un’insicurezza di se stes­si da cui chi crede veramente do­vrebbe essere al riparo. Ma in fon­do è una paura, è una debolezza, è una povertà di spirito che possono persino intenerirci se paragonia­mo questi nostri monsignori, di­ventati, anche fisicamente, così in­certi, così dispeptici, e tutti politi­camente un po’ torbidi, a quelle or­ribili stelle a cinque punte e alla si­gla Br che, per la prima volta nella storia italiana, sono state rivolte contro di loro e contro il Papa.

Bontà sua, nobile Merlo. Prendiamo atto delle buone intenzioni e dello sforzo che deve essergli costato questo endorsement. Ma più di tutto registriamo il pronunciamento a favore del prete italiano:

Il fat­to è che, a dispetto della sbandata integralista della Cei, noi laici cre­diamo davvero nella nobiltà dei preti italiani, nella loro generosità, persino nelle loro capacità visiona­rie e nelle loro intemperanze, in­somma nella superlevitazione del­la religione, nel suo stare sopra e mai contro: sopra i conflitti e i luo­ghi comuni, sopra i gusti sessuali e le tensioni sociali; la religione co­me lingua viva che non si trova nei mille libroni di teologia tedesca e neppure nelle scuole di pensiero dei banchieri tomisti, che sono un’altra bizzarria nazionale.

E che sia chiara una cosa:

[N]on è vero che questi vescovi dalle gote incavate hanno soffoca­to il sanguigno don Camillo, il mantello del ricco tagliato in due e diviso con il pove­ro, l’amore per tut­to ciò che è naturale e non è arzigogolio teologico, il prete antiideologico che ha registrato la nostra storia nazionale, il prete italiano a cui ricor­revano comunisti e conservatori, ricchi e poveri, mi­scredenti e baciapile, un prete bo­nario e ricco di sag­gezza di mondo, al di sopra dei partiti e delle classi.

Ora, davvero c’è di che essere commossi da tanto trasporto. Tuttavia, un piccolo dubbio mi permetterei di sollevarlo, non per intento polemico ma, se è lecito, pro veritate. Sì, perché …, ehm, il fatto è che quello “stare sopra e mai contro,” e quel che segue, ammesso e non concesso che sia stata la cifra del clero italico, a dispetto (forse) dei “libroni di teologia tedesca,” non è mica tanto evangelico. Perché, alla fin fine, mi pare di ricordare che Lui, il Capo, il Fondatore, abbia asserito di essere venuto “a portare la spada” esortando nel contempo i Suoi, onde evitare spiacevoli equivoci, ad essere “nel” mondo senza essere “del” mondo, e cose di questo genere.

La morale della favola, insomma, potrebbe essere questa: non occorre essere cristiani per apprezzare e amare i preti, e non è necessario che i sacerdoti siano particolarmente fedeli a se stessi e alla propria missione per essere lodati dai laicisti. Sul primo punto si prende atto con soddisfazione. Sul secondo si dissente rispettosamente. Gli atei devoti vanno benissimo, i preti buontemponi un po’ meno. Ma si fa per dire. In fondo si chiacchierava e basta.

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: