Home > esteri > 11 settembre, a mente fredda

11 settembre, a mente fredda

Sei anni (e due giorni) dall’11 settembre. Un riepiologo davvero utile, a mente fredda, un servizio agli smemorati (ce n’è tanti) e un buon vademecum per chi aveva già afferrato il nocciolo della questione.

Categorie:esteri
  1. erny
    14 settembre, 2007 alle 7:32

    Han dimenticato tutti, anche molti degli stessi NYorkesi. Solo i parenti e qualche amico delle vittime avranno dentro il buco incolmabile grande come GZ. Io per commemorare a modo mio ho riletto il pensierino scritto a suo tempo da Sofri (quello giovane) “Quando muoiono gli americani” mentre ascoltavo “Don’t worry baby” dei Beach Boys. Benrivisto Rob.

  2. rob
    14 settembre, 2007 alle 21:46

    Han dimenticato in tanti, è vero. Ma c’era da scommetterci. Comunque mi sembra che siano sempre le minoranze quelle che fanno tendenza. In questo caso le opinioni che hanno un qualche peso appartengono a gente che ha la memoria lunga quanto basta.

    Ma, a parte questo, sai che hai indotto anche me a rileggere il “pensierino” di di Sofri Jr? Lo avevo dimenticato, e infatti non so quanto lo condivido (forse è un po’ troppo “eurocentrico” come impostazione), ma è scritto molto bene. Gran bella penna.

    Grazie per il bentornato, a cui rispondo con un sentito “ben ritrovato.” Un caro saluto

  3. rob
    14 settembre, 2007 alle 21:51

    P.S.: Dimenticavo il link all’ode commossa di Luca Sofri. Doveroso.

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: