Home > interni > Con le scuse alla città, alla nazione, all’Europa …

Con le scuse alla città, alla nazione, all’Europa …

Ci sarebbe materia, per gli indignati di professione, per lanciare alti lai, e una volta tanto in maniera pienamente condivisibile anche da parte di chi è meno incline a questo tipo di rituali. Ma siccome è tutta “di sinistra” la vergogna per ciò che succede a Napoli, i toni sono per lo più fin troppo moderati, considerata la gravità inaudita della situazione. Oppure si preferisce giocare allo scaricabarile, o peggio si parla di «responsabilità collettiva» (popolazione inclusa), cioè, in pratica, tutti colpevoli, nessun colpevole, che è un modo vergognoso di affrontare la materia. E’ il caso, ad esempio, di un articolo che si legge oggi su La Stampa: vergognoso, appunto. E non perché non ci siano responsabilità collettive, che ci sono sempre, in qualche misura, quando un problema si trasforma in una disfatta delle proporzioni di quella napoletana, ma perché le colpe “di tutti” sono niente a confronto con quelle che hanno nomi e cognomi.

Di ben altro tenore, sabato scorso, l’articolo di Mattia Feltri, ancora sul quotidiano torinese. Vittima predestinata il solito Bassolino, e fin qui, naturalmente, tutto regolare. La cosa notevole, piuttosto, era il taglio ironico del pezzo, una performance che penso meriti tutta la nostra riconoscenza e ammirazione:

Antonio Bassolino – come quel bravo allenatore che diceva ho vinto, abbiamo pareggiato, hanno perso – sa dove collocare meriti e demeriti. Ieri ha dunque confermato la propria stessa riconferma: non si dimette. «Se i miei predecessori e i miei successori non sono riusciti a risolvere il problema vuol dire che il nodo è duro», ha detto. Poi ha aggiunto: «I rifiuti dalla strada io li ho sempre tolti». E ancora: «Il commissario di governo ci deve stare più vicino e Palazzo Chigi deve avere il coraggio di stare al nostro fianco».Quando parla di predecessori e successori, Bassolino si riferisce ai commissari straordinari per l’emergenza rifiuti in Campania, ruolo che ha ricoperto per quattro anni, dal 2000 al 2004, il più longevo fra i molti vanamente incaricati di risolvere il problema. Nel 2000, Bassolino aveva da poco concluso l’esperienza di governo (era stato ministro del Lavoro col premier Massimo D’Alema) e si preparava a lasciare la seggiola di sindaco per puntare a quella di governatore della Regione. Da commissario straordinario, dunque, si presume che sia stato molto vicino a sé stesso sindaco e anche a sé stesso governatore. E con le buone entrature che aveva a Palazzo Chigi, che fosse in possesso di buoni argomenti per tenere il governo al suo fianco, che si trattasse di un fianco o dell’altro, quello di amministratore o quello di commissario.

Tornando all’oggi, dopo le esternazioni e i fieri propositi manifestati dal presidente del Consiglio Romano Prodi, la Jervolino s’è risentita e ha chiamato direttamente in causa l’incauto censore. E la cosa potrebbe suonare persino divertente, se le circostanze non fossero quelle che sono:

«Sento di essere rispettosa istituzionalmente, ma al presidente del Consiglio Romano Prodi la possibilità di giungere a una situazione del genere era stata prospettata addirittura l’11 gennaio del 2007 in una riunione fatta a Castel dell’Ovo dopo una lunga e particolareggiata relazione del commissario governativo di allora, Guido Bertolaso. Stranamente questa riunione non ha avuto ricadute. Dopodiché c’è stato un decreto legge del Governo, convertito in legge, che individuava alcuni siti che stranamente non sono stati aperti. Non voglio dire che ho fatto tutto in modo perfetto, ma la responsabilità è legata ai poteri che si hanno. Non posso essere responsabile di cose per la quali non ho mai avuto il potere, né io, né prima di me Riccardo Marone, né Bassolino».

Certo che la situazione, in questo modo, si è fatta ancora più complicata. Uno non fa in tempo ad unirsi al coro dimissioni-dimissioni (assieme a Di Pietro!) del povero Bassolino e dell’infelice Jervolino (con rispetto parlando), che ti tirano in ballo il Prodi, e con argomentazioni solide e accuse circostanziate!

Come regolarsi? Chi mandiamo a casa? Un bel dilemma. Al quale non intravedo altra soluzione che quella di mandarli a casa—con ignominia—tutti e tre, accompagnati da un nutrito gruppo di sodali e collaboratori, cioè praticamente due giunte (almeno), un governo e una coalizione. Con le scuse ufficiali ai cittadini di Napoli, alla famiglia Gava, alla Prima Repubblica, all’opposizione, alla nazione, all’Europa e a questo pazzo, pazzo mondo.

Categorie:interni
  1. Anonymous
    7 gennaio, 2008 alle 20:25

    ma se lasciassimo tutti e tre fianco a fianco, come lo stesso Bassolino richiede,in quel di napoli con visite giornaliere a Pianura, pensate che dalle loro bocche verranno… rifiuti?

  2. walt
    7 gennaio, 2008 alle 23:02

    Bersaglio centrato: ovvero ciò che era assolutamente giusto e necessario dire.

  3. paolodilautreamont
    7 gennaio, 2008 alle 23:50

    Notizia di stanotte (a parte gli scontri, e qui io sto con quelli di Pianura, purché pacifici): arriva il Soccorso Rosso. La monnezza sarà trasferita nelle regioni che l’accetteranno. In passato è già successo, di nascosto a liguri, emiliani, marchigiani etc…

  4. nicknamemadero
    8 gennaio, 2008 alle 8:22

    Il grande Totò, in una delle sue più celebri gag, accettava uno sganassone dopo l’altro perché, ripeteva, “Voglio proprio vedere dove vuole arrivare”. Però non saprei dire se questa immagine si attanagli meglio a Prodi, ai politici in genere, all’Italia tutta oppure a noi, popolo attonito…

  5. Mauro
    8 gennaio, 2008 alle 13:04

    Sapevo che avevano la faccia come il culo, ma pensavo che ci fosse un limite… invece no.

    Post da incorniciare. Ciao!

  6. Il Mango
    9 gennaio, 2008 alle 3:00

    Bassolino va destituito cosi come vanno cacciati a pedate questi vergognosi vigliacchi che governano (?) Napoli.
    Ciao Rob, brilliant article. I have linked you on my blog.
    Take care

  7. rob
    9 gennaio, 2008 alle 8:36

    Grazie a tutti. Mango, link contraccambiato con piacere.

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: