Home > interni > Nunc est bibendum

Nunc est bibendum

156 sì, 161 no. Prodi ha chiuso, i problemi restano. E abbiamo già perso un mucchio di tempo. Che si vada subito al voto oppure no, è una scelta affidata alla saggezza di una classe dirigente che, nel suo complesso, è sull’orlo della bancarotta e tanto saggia, a dire il vero, non ha finora dimostrato di esserlo. In altre parole, uno non fa in tempo a tirare un lungo sospiro di sollievo, e un senso di liberazione, ehm, quasi un’euforia …, lo invade, ed ecco che subito è richiamato alla dura realtà. Un brindisi, comunque, ci sta:

Chi vuol esser lieto, sia:
di doman non c’è certezza.

Categorie:interni
  1. mauro
    25 gennaio, 2008 alle 9:27

    mi pervade un senso di liberazione…
    ovviamente i problemi sul tappeto restano, ma userei la metafora del “tolto il dente, tolto il dolore”.
    Era comunque inutile continuare con un governo che era l’apoteosi dell’immobilismo e del “tassa e spendi”, a causa delle troppe conflittualità interne.

    Il fatale errore lo fece Prodi già all’indomani del pareggio nel 2006, quando rifiutò l’accordo con Berlusconi.
    Amen.

  2. elezioni subito
    25 gennaio, 2008 alle 17:08

    Nasce da Palermo il movimento “ELEZIONI SUBITO”

    I cittadini di Palermo a seguito della caduta del Governo fondano il movimento nazionale “Elezioni Subito” al fine di ottenere dal Presidente della Repubblica Italiana On. Napolitano lo scioglimento delle Camere agli elettori lo facoltà di scegliere liberamente e democraticamente nuovi rappresentanti e mandare la casta parlamentare a casa.

    Al movimento hanno subito aderito il Coordinatore
    cittadino de “la Destra” Michele Tortorici, a cui hanno fatto seguito le adesioni delle associazioni Gioventù Italiana per conto del portavoce nazionale Ruggero Razza ed Unidestra per conto del fondatore Andrea de Leitenburg, dando così un immedianto respiro nazionale e giovanile dell’iniziativa.

    Fin da stamattina 25 gennaio 2008 il movimento sarà presente all’Università degli Studi di Palermo con una raccolta firme per presentare la petizione al Capo dello Stato.

    La petizione è sottoscrivibile online al sito internet http://www.firmiamo.it/elezionisubito

    Il Movimento Elezioni Subito

  3. rob
    25 gennaio, 2008 alle 19:22

    D’accordo, Mauro, quello fu l’errore capitale.
    Amen

  4. Anonymous
    25 gennaio, 2008 alle 19:53

    Non sarebbe meglio NUNC ?

  5. rob
    25 gennaio, 2008 alle 22:47

    Stavo per rispondere: “E io che ho scritto?” Poi ho guardato … Grazie per la segnalazione, caro anonimo, correvo il rischio di lasciare imperitura memoria della mia sbadataggine. A mia discolpa, tuttavia, potrei addurre un’attenuante alcolica, dati l’occasione e l’animus del post, ma non voglio assolutamente auto-assolvermi …

  6. Lontana
    26 gennaio, 2008 alle 4:57

    Ho provato anche io tutte le stesse emozioni..sollievo, euforia e poi perplessità sul dopo.
    Ma non fa niente, cerchiamo solo di andare subito a votare, prima di invelenirci con le discussioni sulle riforme.
    Ciao Wind! 🙂

  7. ManofRoma
    26 gennaio, 2008 alle 8:38

    Mah, spero che tu abbia ragione. Io però non me la sento di brindare. Certo la sinistra non ha concluso gran che, anche se la mia opinione è quella della *casta*. La classe dirigente italiana è una casta che si autoperpetua e che pensa egoisticamente a se stessa e non al bene del paese. Per questo l’istruzione viene lasciata marcire. Cosa interessa a loro che la gente si istruisca? E poi, sinistra e destra … esiste un modo di fare gli asili nido che sia di sinistra e di destra?
    Poco è cambiato dal tempo degli antichi romani, scusa la mia ossessione storica, in cui 300 famiglie controllavano tutta la res publica. Troppo lontani gli antichi romani? Ma in fondo 100 anni sono solo 4 generazioni, i comportamenti profondi restano. E visto che i Romani hanno creato la civiltà latina, in giro per il mondo, ancora oggi, vedi in molti paesi latini caste al potere egoiste. Same old story. In Francia c’è voluta la Rivoluzione Francese …. un discorso troppo lungo da fare qui.

    Complimenti in ogni caso per il bellissimo blog. Saluti da

    ManofRoma

  8. Elly
    26 gennaio, 2008 alle 10:35

    Oh, se ci sta il brindisi, anche se i problemi restano e di problemi ne hanno voluti lasciare tanti, troppi per chi arriverà dopo di loro. L’importante è che al momento se ne siano andati.

  9. holdenC
    26 gennaio, 2008 alle 18:19

    ho visto che qualcuno brindava anche in parlamento. e mangiava mortazza. immagine premonistrice di una legislatura d’osteria adveniens

    prosit.

  10. rob
    26 gennaio, 2008 alle 20:44

    Grazie a tutti per i vostri commenti.

    Man of Roma, grazie per le gentili parole. Il resto è nel commento che ho lasciato da te …

    HoldenC, se guardiamo per il sottile ce n’è per tutti, purtroppo. Il prioblema, come sempre, è il senso della misura, o la buona educazione, Se noi possiamo dialogare, altri, a quanto pare, riescono a interagire solo nelle modalità deprecabili che sappiamo. Sai che ti dico? Semplicemente questo: “Unicuique suum” … Ciao.

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: