Home > esteri, religione > E Benedetto colui che ruppe il silenzio

E Benedetto colui che ruppe il silenzio

Ne ero certo, e per questo ho resistito alla tentazione—fortissima, lo confesso—di scrivere uno di quei post che non sai se definire più presuntuosi, ingenui o in buona fede che cominciano con un classico “Santità,” per poi proseguire più o meno così: “Capisco che non è semplice, che ci sono un mucchio di cattolici cinesi che rischiano, rischiano di brutto, ma La supplico, dica una parola …” (e comunque sarebbero state parole che venivano dal profondo del cuore, da amico ad amico, se posso permettermi, perché l’amicizia ti fa osare, sempre, se è autentica).

Ora questa parola è stata detta, e non possiamo che pregare Dio che venga ascoltata: i miracoli talvolta accadono, questo lo crediamo, perché altrimenti, come cristiani e cattolici, saremmo debolucci assai. Questo lo crediamo perché se così non fosse saremmo tutto, all’infuori di ciò che diciamo di essere. Questo lo crediamo perché … crediamo. Ed anche, un po’, perché paradossalmente, a volte, niente è più razionale, cioè giusto e lungimirante, che lasciare semplicemente, deliberatamente, che i miracoli accadano.

Categorie:esteri, religione
  1. Ismael
    20 marzo, 2008 alle 11:47

    Adesso, magari, qualche cattolico cinese si farà pure male. Speriamo di no, ma potrebbe darsi.
    In caso accadesse, vedrai come finirà accusato di imprudenza, B16. E di menefreghismo: tanto si fanno male a mezzo mondo da qui, a me che me frega, eccetera.
    Dare addosso agli attori della politica internazionale, all’occorrenza, è facilissmo.
    Lo è un po’ meno tenere fermo il punto dei propri criteri di giudizio: come mai, se il Dalai Lama fa buon viso a cattivo gioco (dicendo di non voler boicottare le Olimpiadi) nella speranza di evitare sofferenze supplementari ai suoi fedeli, allora quello è comprensibile realismo, mentre, se lo fa il papa, lo stesso discorso diventa espressione dell’opportunismo più bieco?

  2. Riccardo F.
    21 marzo, 2008 alle 12:31

    Boicotta Yahoo!, una delle armi più forti del regime di Pechino per spezzare la resistenza dei dissidenti!

    Leggi qua cosa è successo:
    http://www.riccardof.com/?p=489

    Ciao!

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: