Home > interni, partiti > A chi sogna ghigliottine impossibili

A chi sogna ghigliottine impossibili

forche

Due parole sul clima forcaiolo di questi giorni.

  1. Io lo disapprovo fermamente.
  2. In particolare la rabbia popolare è ingiustificata se indirizzata a Matteo Renzi e ai suoi più stretti e giovani collaboratori: sono appunto troppo giovani per essere ritenuti responsabili di una situazione gravissima e vergognosa. Possono aver fatto degli errori, ma chi non ne fa? Di certo non meritano l’odio di cui sono fatti oggetto.
  3. Intanto bisogna distinguere tra chi ha il sacrosanto diritto di essere inferocito e chi, invece, questo diritto non ce l’ha o lo ha perso. Tra le forse politiche il M5S è l’unico titolato ad essere indignato, per la semplice ragione che i suoi componenti sono nuovi della politica, e quindi, fino a prova contraria, non hanno niente di cui farsi perdonare.
  4. La Lega quel diritto ce l’aveva ma lo ha perso strada facendo, essendosi macchiato, sia pure in grado minore, delle stesse colpe che imputava agli altri..
  5. TUTTE le altre forze politiche non hanno alcun diritto all’indignazione, e men che meno alla rabbia, poiché sono, pro quota, le responsabili del disastro. Tutte più o meno hanno governato e/o sono state rappresentate in Parlamento per decenni, e che cosa hanno combinato? Niente, oppure hanno fatto danni.
  6. Pertanto, tornando al clima forcaiolo, non mi stanno bene neanche le reazioni schifate dei “difensori della casta”.
  7. In particolare, dove erano e cosa facevano i D’Alema, i Bersani, i Napolitano, i Brunetta, i Vendola e tutti quelli della loro specie, mentre la casta si auto-assegnava super-stipendi, super-pensioni, prebende e privilegi di ogni sorta che solo recentemente sono venuti a galla grazie a tardive ma provvidenziali inchieste giornalistiche e a libri come “La Casta”? Se sapevano sono imperdonabili, e se non sapevano sono imperdonabili ugualmente, con l’aggravante della loro personale inettitudine sommata alla nefandezza della situazione in sé e per sé.
  8. By the way, che cosa hanno fatto i giornalisti in tutti questi anni? A parte le succitate eccezioni, dov’erano, di cosa si occupavano, visto che indagare la realtà per informare l’opinione pubblica è un lusso che non si sono consentiti?
  9. Dunque, neanche i giornali hanno diritto all’indignazione.
  10. Ragionamenti analoghi si possono fare con riferimento all’inadeguatezza e all’incapacità dimostrate dalla casta nella lotta alla (propria e altrui) corruzione, alla criminalità organizzata e all’evasione fiscale, oltre che nella gestione della finanza pubblica e in generale nel governo, anzi del malgoverno del Paese.
  11. Ciò detto, credo sia doveroso concedere una ragionevole fiducia a chi non ha ancora avuto modo di massacrare questo Paese. Ma nel contempo penso sia altrettanto doveroso mantenere alta la soglia di vigilanza nei confronti del “nuovo che avanza” (molto a fatica).
Categorie:interni, partiti
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: