Archive

Archive for the ‘costume’ Category

Caduto nell’adempimento del dovere

25 novembre, 2007 Lascia un commento

Forse è morto da eroe, o forse è stato solo il fato. Quel che è certo è che è caduto nell’adempimento del dovere, nell’ambito di una missione militare che poi—in molti ne siamo convinti—è in realtà una missione di civiltà. Il suo comandante di unità a Piacenza, Mario Tarantino, dice che «era un bravo meccanico». Ma dopo un attimo aggiunge: «Non era uno che si tirava indietro». Di bravi meccanici c’è bisogno, come c’è bisogno di gente che sappia fare bene il proprio lavoro in qualsiasi campo, ambiente, circostanza. E lui, il maresciallo capo Daniele Paladini, era davvero bravo, come ricorda il colonnello Alfredo De Fonzo, comandante del contingente a Kabul: «Era un ragazzo in gambissima. Quel ponte l’aveva smontato, rimesso a posto e ridipinto lui». Già, quel maledetto-benedetto ponte. Ma c’è bisogno anche di gente «che non si tira indietro». E ce n’è, appunto. Stiamo parlando, naturalmente, di quell’altra Italia, che convive con quella delle cronache di queste settimane o di queste ore. Grazie, maresciallo Daniele Paladini.

Categorie:costume, interni

Se l’erba non è più quella di una volta

Colpisce, stupisce il dietro-front dell’Independent sulla cannabis. Nel ’97 il quotidiano britannico aveva guidato una poderosa campagna in favore della decriminalizzazione che finì coll’indurre il governo Blair a declassare “l’erba” a stupefacente di categoria C (consumo personale non più punibile con l’arresto). Ebbene, adesso all’Independent si chiede scusa e si ingrana la marcia indietro: non potevamo sapere, allora, che la cannabis sarebbe diventata ciò che è oggi, vale a dire una roba 25 volte più potente, grazie ai nuovi metodi di coltivazione. Quella di adesso fa male, eccome.

A me sembra una straordinaria dimostrazione di “laicità,” cioè di non-dogmatismo. Quando ci si accorge di avere commesso un errore—anche se giustificato da una diversa situazione—lo si riconosce e si volta pagina. Ma è soprattutto una dimostrazione di coraggio. A prescindere dal merito della questione, in cui non ho competenze. Anche se, sic rebus stantibus (e tutto fa supporre che non si sia parlato a vanvera), che l’Independent abbia ragione mi pare ci siano pochi dubbi.

Categorie:costume

Una favola contemporanea

12 marzo, 2007 4 commenti

La storia di Tvboy è una favola contemporanea. Uno imbratta i muri con dei graffi colorati e si becca un bel po’ di multe, però, siccome ci sa fare, diventa ricco e famoso e la gente smette di considerarlo un perdigiorno. Ha anche un sito nel quale si può apprezzare il suo talento.

Ora, però, dopo aver preso atto della cosa (e reso omaggio all’artista), ci si potrebbe interrogare su una questione collegata, nonché di importanza vitale per le nostre città: quale sorte meriterebbero gli imbratta-muri senza arte né parte, senza talento né grazia, che sono un po’ più numerosi dei Tvboys e ci arricchiscono ogni giorno di "capolavori" non richiesti?

Categorie:costume